Emanuele Maniscalco

logo_imparlabilescriversiIl primo anagramma dell’anno è per Emanuele Maniscalco, talentuoso e brillante musicista, poli-strumentista, compositore-improvvisatore, batterista e pianista bresciano. Ci conosciamo poco, siamo conterranei e accomunati dal demone per le arti nonché dal fatto di essere sempre più esuli dal nostro paese – seppur ovviamente con diverse esperienze e differenti percorsi di vita alle spalle. Come sempre accade la poetica dei simboli sopraggiunge senza preavviso ma sempre dal profondo, “Mnemòsine” mito della luce e della memoria – figlia di Urano, il cielo e di Gea la Terra e madre delle Muse (interessante analogia con la carta XVII le STELLE) – apre e titola questo viaggio fatto di sorprendenti sincronie. Dall’evidente “melomania”, ovvero la passione sfrenata per la musica di Emanuele, al suo profondo e sensibile mondo interiore, una fertile “luna”, una “melanconica musa” XVIII la LUNA in un “cammino” di ricerca della “luce”, fatto di malinconie e misteri ma anche di poesia e fiduciose aspirazioni e illuminazioni XVII le STELLE. Nella quotidianità sono sogni in via di realizzazione che la simultaneità del momento svela apertamente, egli “anela ECM music” – Emanuele ha già all’attivo un paio di registrazioni per la prestigiosa etichetta musicale tedesca, e chissà presto, ce lo auguriamo, un album a suo nome in solo, “alone”. L’epilogo finale è chiarissimoindipendentemente da ciò che il futuro può portare o meno alla luce,  il “musico” segue il richiamo della sua musa e questo è il vero, ed il bello dell’arte. Abbandonarsi per sempre al suo infinito richiamo e vivere l’esperienza artistica totalmente, senza fiato, senza sosta, senza compromessi inseguirne la voce: “a ocean muse callin’me” – una musa dell’oceano mi sta chiamando – XVII le STELLE + XVIII la LUNA.

DAN

.

Tarot de Jean Dodal ca 1700 Lyon :: by Pablo Robledo

.

emanuelemaniscalco

.
.
.
.
.
.
.
.

Annunci